Irresponsabile e provocatoria la decisione d’inviare soldati italiani in Lettonia a controllare i confini russi

13:21 21.10.2016

“L’Associazione Lombardia-Russia”, “l’Associazione Veneto-Russia”, ‘41 Comitato Veneto Indipendente”, certi di interpretare il sentire della stragrande maggioranza dei cittadini delle regioni Lombardia e Veneto, esprimono il piu fermo dissenso verso la scellerata decisione del governo italiano, di inviare un contingente di propri soldati in Lettonia, nell’ambito delle decisioni NATO, per “difenderci” da una fantomatica minaccia mssa.

Questa decisione mette a undo le ambiguita e il doppiogioco del premier Matteo Renzi, che da un lato va a farsi bello davanti al presidente russo Putin, al Forum Economico di San Pietroburgo e dall’altro avvalla ogni iniziativa antimssa di NATO- USA-UE, dimostrando di essere completamente asservito ai piani geopolitici e ideologici antimssi.

LTtalia non e certo minacciata oggi dalla Russia sui confini della Lettonia, peraltro lontanissimi da noi, ma semmai dai confini sud del Mediterraneo, dai quali ogni giorno arrivano migliaia di inmiigrati clandestini, tra i quali certamente anehe potenziali terroristi.

La cosa scandalosa, che fa indignare, e che un governo non eletto dal popolo, agisca usando le proprie forze annate, la marina militare, ai confini sud per trasportare in Italia immigrati clandestini, e ai confini nord dell’Europa, invece, per provocare la Russia, Paese a cui ci lega profonda amicizia.

Paese che oggi e Punico che sta seriamente combattendo il terrorismo islamico internazionale. Terrorismo, come e ormai noto, sostenuto, invece, dagli USA e da altri paesi loro alleati, in funzione anti mssa e contro la Siria per destabilizzare il Medio Oriente.

Continuare ad avvallare politiche antirusse, solo per fare gli “zerbini” delfattuale politica scellerata USA-UE, danneggia Pimmagine di tutto il popolo italiano e causa danni enonni alia nostra economia e alle buone relazioni che da sempre abbiamo con la Russia.

Версия для печати